Nasce nell’Europarlamento un comitato consultivo scientifico sui cambiamenti climatici (European scientific advisory board on climate change), che sarà composto da 15 esperti (non più di due con la medesima nazionalità) che resteranno in carica per quattro anni.

Il consiglio fornirà consulenza scientifica sulle misure adottate dalla Ue, sugli obiettivi climatici e sull’evoluzione delle emissioni di gas-serra. L’obiettivo, confermato dall’accordo Consiglio-Europarlamento, è di continuare nella riduzione delle emissioni per arrivare al 53% nel 2030 e al 57% nel 2040.