Un ulteriore vantaggio del mercato libero dell’energia:
le Garanzie di Origine (GO)

Fenix segnala un’opportunità in più per i produttori di energia rinnovabile che sono passati al mercato libero:
il trading delle Garanzie di Origine (GO)

Cosa sono le Garanzie di Origine (GO)
Le Garanzie di Origine (GO) sono certificati o titoli, rilasciati in formato elettronico, che attestano l’origine rinnovabile dell’energia prodotta dagli impianti qualificati IGO (Impianti con Garanzia di Origine). Viene rilasciato un titolo GO per ogni MWh di energia immessa in rete da tali impianti. I titoli GO vengono rilasciati, trasferiti e annullati in maniera elettronica tramite l’apposito portale web gestito dal GSE, il “Portale GO”.

Quanto si può guadagnare con le GO
Le GO non hanno un valore fisso, ma sono oggetto di contrattazione su appositi mercati o con accordi bilaterali.
Esempio: ipotizzando un valore della singola GO pari a 90 eurocent (aggiornamento Luglio 2018) e prendendo a riferimento un impianto da 1 MW in cessione totale che produca 1300 MWh all’anno (ovvero con 1300 ore equivalenti), tale impianto riceverà 1300 GO all’anno (una GO per ogni MWh ceduto in rete) e la valorizzazione delle GO sarà pari a 1300 x 0,90 = 1170 euro/anno (aggiornamento Luglio 2018).

Il trading delle GO: solo per chi ha aderito al mercato libero!
Solo gli impianti a fonti rinnovabili che vengono dispacciati sul mercato libero da un trader, ad es. Fenix srl, possono disporre delle GO per l’energia immessa in rete.

Gli impianti in ritiro dedicato (RID) “regalano” le proprie GO al GSE!
Anche per gli impianti in ritiro dedicato, scambio sul posto o con incentivi onnicomprensivi che prevedono il ritiro dell’energia da parte del GSE vengono emesse le GO, ma contestualmente all’emissione vengono trasferite a titolo gratuito al GSE, nonché considerate nella titolarità e disponibilità di quest’ultimo!

Trading delle GO: i vantaggi offerti da Fenix
Le Garanzie di Origine (GO) possono essere negoziate esclusivamente su due piattaforme informatiche appositamente predisposte dal GME:

  • il Mercato GO (M-GO), se sono oggetto di negoziazione nel mercato regolato;
  • la Piattaforma Bilaterale (PB-GO), se ad es. sono oggetto di libera negoziazione (accordi bilaterali).

L’accesso alle piattaforme M-GO e PB-GO risulta oneroso in termini di garanzie e di complessità burocratica, per cui Fenix sta mettendo a punto accordi commerciali per piazzare le GO che i produttori, eventualmente anche non dispacciati da Fenix, vorranno veicolare verso acquirenti interessati. Fenix proporrà ai possessori di GO un prezzo concordato prestabilito che verrà comunicato di volta in volta in base all’andamento del mercato.

Qualifica IGO e attivazione del Conto Proprietà
L’attivazione del Conto Proprietà, su cui saranno depositati i titoli GO, viene effettuata dal GSE in favore dei produttori che facciano richiesta della qualifica IGO. 

Il 21 gennaio 2017 riaprono i termini per richiedere la qualifica IGO!

Per non perdere le GO che il Vs impianto ha diritto a ricevere, vi consigliamo di prendere visione del “Vademecum Qualifica IGO” che abbiamo predisposto e verificare la documentazione necessaria per Qualifica IGO.

Vademecum Qualifica IGO

Scadenze per la presentazione della richiesta

Per impianti “esistenti” la qualifica può essere richiesta dal 21 gennaio al 30 settembre.

Per impianti “nuovi” (entrata in esercizio tra 1°settembre e 31 dicembre dell’anno di richiesta di qualifica) la qualifica può essere richiesta dal 1° ottobre al 20 gennaio.

NB: Gli impianti che chiamiamo convenzionalmente “esistenti”, sono quelli entrati in esercizio entro il 31/08/“n”; quindi se si considera il 2017, per “entrato in esercizio entro il 31/08/2017” si intende qualunque data precedente al 1° settembre 2017, inclusi pertanto tutti gli anni precedenti al 2017.

Richiesta di qualifica IGO

La richiesta di qualifica deve essere trasmessa attraverso il portale GO, previa registrazione al seguente indirizzo applicazioni.gse.it; gli impianti che usufruiscono dei Conti Energia devono presentare la richiesta di qualifica, senza necessità di effettuare la registrazione essendo già censiti dal GSE, infatti, qualora per l’impianto oggetto della richiesta di qualifica sia attivo un rapporto contrattuale con il GSE, ovvero l’impianto acceda ai regimi di incentivazione gestiti dal GSE, il processo di qualifica IGO consente al produttore di inserire i codici identificativi attribuiti dal medesimo GSE all’impianto nell’ambito dei precedenti rapporti/qualifiche. Per tali impianti, inoltre, è previsto un processo semplificato che prevede il caricamento della parte di documentazione per la quale non sia presente il relativo fascicolo elettronico negli archivi del GSE.

Sottoscrivendo l’applicazione “GO” è possibile accedere al portale “GO” e procedere al caricamento della richiesta di qualifica, che deve essere effettuata dal produttore (ovviamente il Team Business di Fenix è a disposizione per fornire eventuale supporto).

Completato il processo, il produttore invia formalmente al GSE la richiesta di qualifica IGO.
Da tale momento i dati non sono più modificabili dal produttore.

Le guide del GSE

Alcune delle successive informazioni sono reperibili in questa pagina, (nella colonna di destra) e riguardano le seguenti sezioni:

Per maggiori informazioni contattare:

  • Maurizio PARI, Ref. Comm.le
    cell.: 340.9412233
    Email: maurizio.pari@fenixenergia.it
  • oppure direttamente il Fenix Energia Team Business, sia in riferimento alla qualifica IGO, che per eventuali ulteriori necessità cliccando qui.

GO (Garanzie di Origine) in breve

IGO = Impianti con Garanzia di Origine

Più correttamente IGO sta per “Identificazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili ai fini del rilascio della Garanzia di Origine”.

Scadenze per richiesta qualifica IGO

Per impianti “esistenti” la qualifica può essere richiesta dal 21 gennaio al 30 settembre.
Per impianti “nuovi” (entrata in esercizio tra 1°settembre e 31 dicembre dell’anno di richiesta di qualifica) la qualifica può essere richiesta dal 1° ottobre al 20 gennaio.

Validità della qualifica IGO: illimitata

Una volta ottenuta la qualifica IGO, la sua validità è illimitata se non intervengono modifiche significative sull’impianto e/o nell’ambito della normativa di riferimento.

A cosa equivale una GO

Viene rilasciato un titolo GO per ogni MWh di energia immessa in rete.

Cumulabilità delle GO con i Certificati Verdi

Un impianto alimentato a fonti rinnovabili che riceve i Certificati Verdi può ricevere anche le GO.

Emissione delle GO

Mensile sull’energia immessa in rete.

Richiesta Emissione delle GO

Dopo la pubblicazione della disponibilità (cioè quando i dati delle letture dei contatori sono disponibili al GSE, il ché dipende dal Gestore di Rete) e prima della scadenza di validità.

Costo Richiesta Emissione delle GO: 3,3 €c/MWh.
Scadenza validità GO

Le GO dell’anno “n” (es. 2017) hanno validità al massimo fino al 12° mese (es. per la produzione di gennaio 2017, valgono fino a febbraio 2018) MA non oltre il 31/03/“n+1” (es. 21/03/2018).
Per cui si distinguono le “GO di gennaio” e le “GO di febbraio” (durata 1 anno) dalle “GO altri mesi” (durata inferiore ad 1 anno).

Trasferimento GO

Possibile fino al 31/03/“n+1”.

NOTA: in questo passaggio la Procedura Tecnica non pare coerente con la durata di validità delle GO; infatti senza ulteriori indicazioni, una GO scaduta a febbraio, potrebbe ancora essere trasferita a marzo (cfr. Sez. 2, par. 4 della Procedura Tecnica).

Annullamento GO

Per certificare una quota di rinnovabile nel mix energetico dell’anno “n”, annullare le GO entro il 31/03/“n+1”.

Costo Annullamento GO: 3,3 €c/MWh.
Copertura oneri sostenuti dal GSE per la gestione del sistema GO: 0,3 €c/GO

A copertura degli oneri sostenuti dal GSE per la gestione del sistema delle GO gli operatori sono tenuti a versare un corrispettivo distinto per tipologia di operazione, stabilito per l’anno 2017 pari a 0,003 Euro per ogni GO negoziata/registrata sul mercato e/o bilateralmente.

Commenti:
In base a quanto indicato sopra si nota che, ai fini dell’emissione delle GO, non viene conteggiata la quota parte di energia eventualmente autoconsumata poiché non viene immessa in rete.
Si nota inoltre che la gestione complessiva delle GO ha alcuni “costi vivi” (Emissione+Annullamento+Oneri GSE). L’accordo di scambio delle GO che Fenix propone indicherà esplicitamente come avverrà la ripartizione dei vari costi.


Scarica l’articolo in formato PDF

Fenix Energia, Fenix luce e gas